Parodontologia

Cos'è?

La parodontite è una malattia infiammatoria degenerativa cronica, comunemente detta “piorrea” che colpisce il tessuto di sostegno del dente, cioè gengiva, legamento alveolare e osso, provocando una graduale perdita dei denti e degli apparati di sostegno.

Esistono diverse forme di malattia parodontale che si differenziano per le cause, l'estensione e la gravità. Solitamente lo stato iniziale di questa patologia è la gengivite per poi sfociare in parodontite.

Differenza tra gengivite e parodontite

Per "gengivite" si intende un'infiammazione dei tessuti gengivali che sono intorno al dente; i sintomi caratteristici sono legati a sensazione di bruciore, dolore associato ad arrossamento, gonfiore e talvolta sanguinamento.

Diagnosi

Nella diagnosi si valuta la presenza di placca e tartaro, gonfiore e sanguinamento gengivale, sensibilità, mobilità e migrazione dentale. La radiologia aiuta a valutare la perdita di osso attorno ai denti.

Cause:

  • PLACCA BATTERICA / TARTARO - è la causa principale di malattia parodontale.
  • FUMO - è uno dei fattori di rischio più importanti.
  • PREDISPOSIZIONE EREDITARIA - una persona su tre è predisposta geneticamente allo sviluppo della malattia parodontale.
  • GRAVIDANZA - e altri cambiamenti ormonali nella donna, possono rendere le gengive più deboli.
  • STRESS - può rendere più debole la risposta immunitaria nel combattere le infezioni.
  • FARMACI - contraccettivi, antidepressivi e altri farmaci possono influire negativamente sulla salute orale.
  • BRUXISMO - la tendenza a digrignare i denti di notte o in periodi di stress, può causare l'indebolimento delle strutture di sostegno dei denti.
  • DIABETE E ALTRE MALATTIE - possono favorire lo sviluppo della malattia parodontale.

Sintomi

  • gengive che sanguinano facilmente
  • gengive rosse, gonfie o sensibili
  • gengive con fuoriuscita di pus
  • alito cattivo o sapore sgradevole persistenti
  • denti con mobilità evidente
  • spostamento dei denti con creazione di spazi (diastemi) tra un dente e l'altro
  • modifica della posizione masticatoria abituale.

Come si cura?

Il trattamento della malattia parodontale dipende dalla sua gravità. Nei primi stadi la malattia può essere trattata rimuovendo placca e tartaro e tessuti infiammati dalla superficie dei denti e nella zona sotto gengivale.
Questa procedura di pulizia profonda, include due trattamenti di pulizia sottogengivale e levigatura radicolare o root planing. Pulizia sottogengivale o scaling, consiste nel rimuovere il tartaro e la placca da attorno e al di sotto della linea gengivale. Levigatura radicolare o root planing, consiste nel pulire e levigare le superfici della radice e del dente, il tessuto gengivale può così riattaccarsi più saldamente alla radice pulita e liscia.

Il numero di sedute necessarie per trattare la malattia parodontale dipende dalla sua gravità; il trattamento è solitamente reso più confortevole da un'anestesia locale.

Dopo il trattamento di scalin /root planing, durante un appuntamento di controllo, il vostro dentista valuterà se le gengive sono guarite e le tasche diminuite: forme di malattie parodontali più gravi, potrebbero richiedere trattamenti più lunghi.
La malattia parodontale non guarisce da sola, e se non trattata porta all'estrazione del dente.
Prevenire la malattia parodontale o trattarla fin dalla sua fase iniziale è il modo migliore per mantenere i denti e le vostre gengive sani.

Prevenzione:

A differenza della gengivite da cui si può guarire, la malattia parodontale, una volta instaurata, si può solo bloccare senza recuperare l’osso. A tal fine è fondamentale una diagnosi precoce e avviare rapidamente il trattamento che non è assolutamente doloroso.

La gengivite si cura con l’eliminazione dei fattori causali (placca batterica e tartaro).
Contrariamente la parodontite si blocca innanzitutto con la corretta igiene orale, quindi con la levigatura delle radici, con la detartrasi, con la chirurgia parodontale, gli antibiotici e gli antisettici.
Le visite periodiche previste nel piano di trattamento sono fondamentali per il successo a lungo termine. La manutenzione, infatti, è importante quanto il trattamento.

  • spazzolare i denti correttamente dopo ogni pasto usando un dentifricio a base di fluoro
  • usare il filo interdentale o lo scovolino interdentale per rimuovere la placca tra dente e dente almeno una volta al giorno
  • mangiare in modo sano ed equilibrato
  • evitare di fumare
  • fare visite dentistiche e sedute di igiene orale regolarmente almeno ogni sei mesi.